Finanziato da MIUR a fini di alfabetizzazione al linguaggio cinematografico e condotto da INTUS CORLEONE con la collaborazione del film maker Michele Astuto ha attivato 183 studenti di 8 istituti, in 6 comuni dell’Alto Belice Corleonese. Di questi, 118 hanno costituto (ciascuno ricoprendo un ruolo e una funzione nel processo produttivo) prodi 6 troupés che hanno realizzato, ciascuna, un proprio cortometraggio.

Ispirati dall’opera e dalla biografia di Franck Capra, che- adolescente- lasciò quella terra per diventare uno dei principali artefici della elaborazione e del successo del “mito americano” i 6 corti hanno declinato il tema della relazione tra le aspirazioni alla felicità individuale, la contingenza esistenziale, le dinamiche e i legami di appartenenza al contesto culturale e valoriale locale e i destini, le prospettive, le attese collettive. Paesaggio e natura sono stati fortemente implicati nelle narrazioni le cui tematiche/dinamiche specifiche sono state quelle più consuete nell’adolescenza e, nello stile, si sono voluti distaccare dagli schemi e dagli stereotipi della “narrazione” delle grandi produzioni cinematografiche e televisive che hanno sequestrato l’immagine “esterna” del territorio ma si sono sedimentati/interiorizzati nella cultura e nella mentalità

RETE ITER ha collaborato a ideazione e progettazione conducendo poi la Valutazione il cui esito è sintetizzato nel report.

SCARICA LA SCHEDA PROGETTO